Serie A: ” Crotone ti puoi salvare”. Poker contro l’Empoli

image

Fondamentale successo del Crotone che, grazie alle reti di Stoian e Falcinelli (quest’ultimo autore di una tripletta), travolge 4-1 l’Empoli tra le mura amiche e riduce il distacco dal quart’ultimo posto, occupato proprio da Maccarone e compagni.

Il canovaccio tattico è chiaro sin da subito: il Crotone fa la partita, l’Empoli attende e prova a ripartire in contropiede. L’atteggiamento dei toscani, tuttavia, si rivela troppo rinunciatario. E il gol dei padroni di casa non si fa attendere troppo: al 24′ splendida triangolazione tra Stoian e Palladino (di gran lunga i migliori dei calabresi nel primo tempo), l’ex esterno del Chievo da fuori area lascia partire un destro di prima intenzione che si insacca proprio nell’angolino basso alla sinistra di un incolpevole Skorupski. Lo “Scida” si rianima, uno sguardo alla classifica è ora doveroso. La squadra di Nicola però cala vistosamente sotto il profilo dell’intensità e incassa il pareggio un quarto d’ora più tardi: sponda di Marilungo al limite, Mchedlidze non ci pensa su due volte e spara. La traiettoria della palla, nonostante la deviazione di Ceccherini (che forse inganna Cordaz), resta nello specchio della porta e termina beffardamente in fondo al sacco. Per il georgiano si tratta del suo secondo gol di fila, il quinto in questo campionato (record personale).

Nella ripresa l’Empoli parte decisamente meglio di quanto non aveva fatto nella prima frazione, ma la prima grande occasione la crea il Crotone al 52′: il solito Palladino pennella al centro un passaggio rasoterra al bacio per Falcinelli che controlla e tiene a distanza i due centrali ospiti, ma colpevolmente non riesce a incrociare a pochi metri da Skorupski. L’attaccante di Marsciano si rifà cinque minuti dopo: punizione tagliata di Barberis e spizzata che spiazza l’estremo difensore toscano. Martusciello inserisce Maccarone al posto di Marilungo, ma cambia poco: i padroni di casa si chiudono bene e amministrano il preziosissimo vantaggio senza particolari affanni, invertendo dunque la pessima tendenza dei 19 punti persi nei secondi tempi finora in campionato. Al 90′ è tris: Stoian brucia Veseli che lo stende in area, Falcinelli dal dischetto firma una pesantissima doppietta. In pieno recupero addirittura il poker: ancora in gol Falcinelli, con un sinistro a giro dopo uno scambio con Rohden.

Con questo risultato, il Crotone sale a quota 13, a otto punti dall’Empoli, inchiodato a quota 21: la lotta salvezza è riaperta.

Fonte: Tutto Sport

Annunci

Aeroporto Crotone: aria fritta. Delirio non sapeva neppure che il Tar ha annullato la gara.

image

Probabilmente il ministro dei Trasporti Delrio non lo sapeva nemmeno che, mentre giovedì mattina stava seduto al tavolo con la delegazione calabrese per fare il punto sugli aeroporti di Crotone (che ha già tirato le cuoia) e su quello di Reggio (che sta per tirarle), il Tar Calabria aveva appena depositato la sentenza con la quale annulla il bando di gara per individuare il nuovo gestore di quei due scali.

Lo prova la nota diramata dal ministero dei Trasporti al termine dell’incontro, nella quale si spiega che Delrio “ha riassunto lo stato delle procedure di gara in corso per l’individuazione dei nuovi gestori aeroportuali, mettendo peraltro in evidenza come la procedura sia tesa a garantire la sostenibilità degli aeroporti calabresi nell’ottica della gestione di rete che consentirebbe le necessarie economie di scala”. Lo stesso ministro avrebbe assicurato che “che a breve saranno individuati i vincitori delle procedure di gara e saranno espletati gli adempimenti per l’operatività effettiva dei due aeroporti”. Ma quali vincitori. Dopo la sentenza del Tar ora l’Enac è costretta a riscrivere il bando, con i tempi che ci vorranno, altro che operatività dei due scali. Ma Delrio doveva continuare a sostenere la tesi tanto cara al Pd nazionale e regionale che vuole a tutti i costi una società di gestione unica per i tre scali calabresi da affidare possibilmente alla Sacal di Lamezia. Concetto espresso molto nitidamente dalla parlamentare M5S Federica Dieni.

Per il resto tanta aria fritta. Anzi no. Qualcosa di concreto l’ha fatta il governatore della Calabria Mario Oliverio che ha repentinamente liquidato all’aeroporto di Reggio Calabria 900 mila euro per consentire la prosecuzione dell’esercizio provvisorio ed evitarne l’immediata chiusura, come peraltro ha ribadito nel corso dell’incontro romano con il ministro. Non risulta che quando lo scalo crotonese era nelle medesime condizioni il governatore Oliverio abbia fatto altrettanto. Anzi.

La riunione, cui hanno preso parte anche il vice ministro Riccardo Nencini, rappresentanti della Regione, dei Comuni di Crotone, Isola di Capo Rizzuto e il Sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, ha poi affrontato altri temi atavici; come quello del servizio di torre sull’aeroporto Sant’Anna di Crotone che l’Enav ha continuato a far pagare alla curatela fallimentare malgrado fosse un diritto dello scalo crotonese, in quanto aeroporto di interesse nazionale, addebitare quel costo allo Stato. Ora che il Sant’Anna è chiuso il ministro ci informa  “che la problematica sarà a breve risolta, infatti l’iter procedurale per l’inserimento di tale aeroporto nel contratto di programma Stato-Enav è in via di perfezionamento. Anche per quanto riguarda le questioni inerenti gli oneri di servizio pubblico, le istituzioni hanno dato la massima disponibilità ad affrontare in maniera fattiva il tema”.

Fonte: Il Crotonese

 

Alborante: Ryanair tornerà a volare da Crotone

image

La nostra intenzione è quella di continuare a volare su Crotone, appena sarà stabilita la società di gestione dello scalo, anche perché l’esperienza su Crotone è stata positiva. Per quanto concerne Reggio Calabria, invece, la risposta resta no”. Lo ha detto John F. Alborante, Sales & Marketing Manager Italia della Ryanair, a Catanzaro per presentare le nuove rotte della Compagnia per Amburgo, Cracovia e  Madrid in vigore per la stagione estiva rispondendo alle domande dei giornalisti sulla situazione degli aeroporti di Crotone e Reggio. “La pista dello scalo reggino – ha aggiunto Alborante – non ci consente di atterrare con i nostri equipaggi e questo perché, proprio per mantenere i costi così competitivi, anche l’addestramento dei piloti e l’utilizzo degli aerei sono standardizzato. Voliamo solo negli aeroporti capaci di accogliere, così com’è, la nostra flotta”. Ryanair, dunque, conferma l’interesse per l’aeroporto Sant’Anna ma, com’è fin troppo ovvio, non potrà tornare a volare sullo scalo crotonese finché non sarà individuato l’interlocutore, ovvero il nuovo gestore. Allo stato la vicenda è impantanata davanti ai giudici del Tar di Catanzaro che devono stabilire se il bando di gara pubblicato dall’Enac per affidare la concessione dello scalo a un nuovo soggetto, dopo il fallimento della Sant’Anna spa, sia legittimo oppure no. Se deciderà che è legittimo ad aggiudicarsi la gara sarà la Sacal di Lamezia con la quale, a quel punto, dialogherà Ryanair, diversamente Enac dovrà riformulare il bando. E passerebbero mesi. Interpellato telefonicamente Alborante ha quindi spiegato che per la compagnia irlandese quello di Crotone resta uno scalo allettante soprattutto per i voli stagionali nei quali si prevedono incrementi di passeggeri molto significativi. E in tal senso ha ricordato che, poco prima che lo scalo crotonese chiudesse, la compagnia stava programmando anche dei collegamenti internazionali dal Sant’Anna. Senza per questo escludere voli giornalieri per varie destinazioni italiane come è accaduto fino al 30 ottobre scorso.

Da fine marzo, invece, non ci saranno più voli Ryanair sulla tratta Lamezia-Roma. A dirlo è sempre John F. Alborante, presentando a Catanzaro le nuove rotte per Amburgo, Cracovia e Madrid che saranno messe a disposizione dei calabresi per la prossima stagione estiva. Le nuove destinazioni europee, già disponibili online, sono state presentate oggi a Catanzaro e prevedono due frequenze alla settimana ad iniziare da fine marzo per le quali è già stato raggiunto il record di prenotazioni rispetto alla media. “Ryanair – ha sottolineato Alborante – rivolge sempre maggiore attenzione al traffico internazionale per le potenzialità che esprime la Calabria sia per quanto riguarda le partenze che per l’incoming, ossia i turisti”. Sulle rotte italiane Alborante ha chiarito come “la rotta per la capitale abbia subito dei tagli dovuti ad una riduzione di traffico tale da indurre Ryanair a cancellare da fine marzo la tratta Lamezia-Roma, almeno per il momento. Tale cancellazione dovrebbe durare per tutta la stagione estiva”. Alborante ha anche parlato di una manifestazione di interesse della Regione Calabria alla quale la società parteciperà, non appena sarà pronto il bando, con una proposta e nuove rotte per Lamezia e Crotone. “Ho incontrato il presidente Oliverio – ha concluso Alborante – con cui ho discusso di questo argomento e degli scali calabresi in generale. Presto, infatti, il presidente sarà ricevuto nei nostri uffici per discutere nel concreto con il direttore commerciale della Calabria”.

Fonte: Il Crotonese